“The eye of the storm” è il nuovo corposo album dei Daimon D., pubblicato da Beta Produzioni e distribuito da Artist First.

Undici brani di intenso alternative rock di ispirazione grunge che si pongono in continuità con il pregevole debut album Clouds as a shelter”, pubblicato nel 2019 e ben accolto dalla critica di settore.

“The eye of the storm” è una tempesta di emozioni che sgorga dal centro del ciclone, dove il tempo sembra cristallizzarsi mentre attorno regna soltanto il caos. Un album le cui note raccontano l’inquieta ricerca di una felicità perduta, tra parole mai dette e la paura di ciò che porterà il futuro.

Tra note di tormento, amore, rimorso e maledizione, “The eye of the storm” ci proietta in un complesso crescendo emotivo tradotto in chiave puramente rock.

L’album è stato anticipato dall’uscita del singolo, “What is real”, pubblicato nel giugno 2020, e del successivo “Scream”, pubblicato il 27 novembre 2020.

I Daimon D. sono una band alternative grunge-rock composta da 5 elementi.

Il nome del gruppo prende spunto dal demone della sensualità e della creatività che alberga in ogni persona e che induce a compiere determinate scelte o ad imboccare determinate strade. Secondo il mito di “Er” raccontato da Platone, Il “Daimon” è colui che ciascun essere umano riceve come compagno del proprio viaggio di vita, ancor prima della propria nascita. Il Daimon rappresenta la chiave per leggere il cosiddetto «codice dell’anima», quello che secondo lo psicanalista James Hillman rappresenta una sorta di linguaggio cifrato che ci spinge ad agire ma che non sempre capiamo.

La band prende forma a Roma nel 2017 attorno alle figure di Axel (voce) e Fiore (basso), accanto ai quali si alterneranno vari musicisti prima di arrivare alla line up definitiva di cui faranno parte anche Alberto (batteria), Matt (chitarra e voce) e Nicolas (chitarra e voce).

Il 2019 è l’anno del loro ingresso in studio per la registrazione dei 6 brani del loro debut album, “Clouds as a Shelter”, pubblicato da Ghost Label Record.

Dopo la pubblicazione di questo primo lavoro, ben accolto dalla critica dei magazine specializzati, la band si esibisce in numerosi live, perlopiù in ambito regionale, riscontrando un buon successo di pubblico ed aggiudicandosi il premio di categoria nel Contest “Anime di Carta”. 

Il 2020 è l’anno del ritorno in studio per la registrazione di “The eye of the storm”, pubblicato oggi su etichetta Beta produzioni/Artist First, registrato e masterizzato presso il Circle Music Studio da Daniele Perticaroli.